Iniziata la melina in Mali per ristabilire l'ordine

I governanti militari del Mali ritardano il primo incontro sul trasferimento dei poteri

A cura del nostro ufficio in Bamako

Gli ufficiali dell'esercito che hanno rovesciato il presidente all'inizio di questo mese rinviano la riunione a una data successiva per "motivi organizzativi".

I governanti militari del Mali hanno affermato di aver rinviato il loro primo incontro sul trasferimento dei poteri per "motivi organizzativi", quasi due settimane dopo la rimozione dell'ex Presidente Ibrahim Boubacar Keita con un colpo di stato.I golpisti avevano invitato i gruppi civici, le organizzazioni politiche e gli ex ribelli alle consultazioni sabato, ma hanno affermato in una dichiarazione che l'incontro è stato rinviato a una data successiva.Gli ufficiali dell'esercito hanno promesso una transizione al governo civile, anche se senza una calendarizzazione precisa. Alcune ore dopo aver preso il potere, hanno detto che avrebbero organizzato le elezioni "entro un tempo ragionevole".Il cosiddetto Movimento 5 giugno, una coalizione di opposizione che nei mesi scorsi aveva organizzato grandi proteste contro Keita, non era stato invitato a partecipare all'incontro di sabato.La coalizione di protesta ha chiesto ai governanti militari di darle un ruolo nella transizione al governo civile.

L'ECOWAS (Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale) cerca la transizione Dopo una serie crescente di proteste di massa che chiedevano le dimissioni del presidente per il peggioramento del conflitto nel paese e la presunta corruzione, tra le altre questioni, i giovani ufficiali dell'esercito si sono ammutinati il ​​18 agosto, sequestrando Keita e altri funzionari governativi.

I leader golpisti hanno dichiarato che ora governavano il Mali, dicendo di aver agito perché il paese stava sprofondando nel caos, incolpando la scarsa leadership.Il colpo di stato ha scioccato i vicini dell'Africa occidentale e la Francia, alleata del Mali, aumentando le preoccupazioni per l'instabilità in un paese che già lotta per contenere la minaccia dei gruppi armati, la violenza etnica e le difficoltà economiche.Il blocco regionale di 15 membri della Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale (ECOWAS) ha sospeso il Mali dalle sue istituzioni, chiuso i confini e bloccato i flussi finanziari con il paese dopo il rovesciamento di Keita.Venerdì ha rilasciato un documento nel quale si inviatavano gli ufficiali militari a trasferire immediatamente il potere ad un governo di transizione a guida civile e tenere le elezioni entro un anno. In cambio, l'ECOWAS si è impegnata a revocare gradualmente le sanzioni man mano che i leader golpisti daranno corso ad una pacifica accetazione delle richieste.

Rafforzando la sua linea dura a causa delle preoccupazioni per la prolungata instabilità e il suo potenziale ruolo nel vanificare la lotta contro i gruppi armati nella più ampia regione del Sahel, il blocco ha anche delineato quattro punti principali su cui desidera vedere progressi prima che le sanzioni possano essere gradualmente revocate.Il presidente del Niger Mahamadou Issoufou, che attualmente presiede l'ECOWAS, ha affermato che il presidente di transizione del Mali e il primo ministro devono essere civili e che gli sarà vietato partecipare alle prossime elezioni legislative e presidenziali.
"Nessuna struttura militare dovrebbe essere al di sopra del presidente di transizione", ha detto Issoufou.L'ECOWAS ha anche chiesto la rapida istituzione di un governo che affronti le varie sfide che il Mali sta affrontando e, in particolare, si prepari per le elezioni legislative e presidenziali entro 12 mesi.Un portavoce dei governanti militari, Djibrila Maiga, ha detto venerdì che le decisioni del blocco sono state discusse.Nel frattempo, l'influente Imam del Mali Mahmoud Dicko - un attore chiave nelle proteste di massa dell'opposizione che hanno portato al rovesciamento di Keita - ha detto venerdì che i nuovi governanti militari non hanno "carta bianca".I suoi commenti sono arrivati ​​quando un nuovo documento pubblicato sulla rivista ufficiale del governo maliano afferma che il capo della giunta militare è stato effettivamente investito dei poteri del capo dello stato.